Ceylon – Sri Lanka

Lacrima dell'India 12 giorni

Nella fantastica isola che si riapre al turismo dopo un ventennio

La pittoresca città coloniale di Galle - l’incontro con il leopardo nel Parco Nazionale Yala - le piantagioni di tè di Nuwara Eliya - il colorato Festival Esala Perahera di Kandy - le splendide rovine dei siti Dambulla, Anuradhapura, Sigiriya e Polonnaruwa

Un’isola tropicale che da secoli seduce i viaggiatori con le sue atmosfere dense di spiritualità e serenità. Oggi è Sri Lanka, ma nel passato si è guadagnata tanti nomi: Serendib, Ceylon, Lacrima dell’India, Isola Risplendente, Isola del Dharma, Perla d’Oriente… Si inizia dal  “Triangolo Culturale”, nel cuore delle calde pianure centrali, così chiamato perché ospita i più significativi siti storici dell’isola: le serene statue del Buddha sparse per Anuradhapura (UNESCO), la fortezza rocciosa di Sigiriya (UNESCO), gli imponenti stupa di Polonnaruwa (UNESCO), il tempio d’oro di Dambulla (UNESCO). Poi Kandy (UNESCO), il vivace capoluogo della Hill country, cuore spirituale e culturale del Paese. Pinnewala, l’Orfanotrofio degli elefanti, un istituto a gestione statale fondato per salvare gli elefanti selvatici orfani o abbandonati. Nuwara Eliya, stazione montana di epoca coloniale, circondata dalle piantagioni di tè e dalle foreste montane aggrappate alle cime dentellate delle montagne. Infine il sud, con il Parco Nazionale Yala, la pittoresca città coloniale di Galle (UNESCO) e le bianche spiagge bagnate dalle acque turchesi dell’oceano.

Per il programma di viaggio e/o per altri itinerari sulla destinazione per partenze Estate / Autunno 2018 contattaci qui

Segui H 24 Travels anche su: fb, Twitter, Instagram, You Tube