Madagascar

Isola segreta (Estate 2019) 19 giorni

Dalle spiagge selvagge della costa occidentale ai parchi dell'altopiano centrale

Un’isola-continente con un immenso patrimonio endemico - lungo la “Via dei Baobab” - gli spettacolari Tsingy - le selvagge spiagge della costa ovest e i pescatori Vezo - il Parco dell’Isalo - l’incontro con i lemuri - la coloniale Antsirabè e la capitale Antananarivo

Il Madagascar presenta caratteristiche geomorfologiche molto differenti, flora e fauna con decine di specie endemiche e popolazioni interessanti e ospitali che rispecchiano la commistione delle diverse origini dall’Africa all’Oriente. Dalla capitale, Antananarivo, via terra fino a Morondava per proseguire fino a Bekopaka per la visita della Riserva di Bemaraha, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, dove si trovano i Piccoli e Grandi Tsingy, straordinarie formazioni di spettacolari rocce aguzze, delle “foreste”di aghi di pietra calcare. Poi verso sud, lungo la “Via dei Baobab”, fino alla costa ovest, la regione meno turistica, abitata dai pescatori Vezo. Qui, davanti alle selvagge spiagge vicino Salary, lambite dalla barriera corallina, è più facile osservare il passaggio delle balene nel Canale di Mozambico. Poi verso l’interno, nel Parco dell’Isalo, in un susseguirsi di canyon profondi circondati da ampie savane e da scenografiche formazioni rocciose. Infine sull’altopiano per l’incontro coi lemuri nella foresta del Parco di Ranomafana. Antsirabè, caratteristica cittadina in stile coloniale francese affollata da nugoli di “posy”, i colorati risciò locali. Il Madagascar è un mondo a sé, capace di suscitare curiosità e interesse in ogni viaggiatore. Un viaggio straordinario immersi in un ecosistema unico al mondo, su un’isola continente che preserva un enorme patrimonio endemico. Tutti i gruppi sono accompagnati da un nostro accompagnatore italiano, a partire da 8 partecipanti.

Per il programma di viaggio e/o per altri itinerari sulla destinazione  contattaci qui


Segui H 24 Travels anche su: fb, Twitter, Instagram, You Tube