Birmania – Festival del Lago Inle

Da Mandalay a Loikaw

Tra antichi templi e le minoranze etniche dello Shan

L’antica capitale Mandalay - la navigazione sul fiume Irawaddy - Loikaw e le “Donne Giraffa" - il magico Lago Inle e le popolazioni che lo abitano - la mitica Bagan, patrimonio dell'Umanità UNESCO - le misteriose Grotte di Hpo Win Daung nei pressi di Monywa - Yangon e la magica Swedagon Pagoda



A nord-ovest della penisola indocinese, un paese senza età rimasto a lungo isolato dal mondo esterno, brilla della sua arte religiosa. Un paese buddhista per eccellenza la Birmania, dove templi, pagode e statue di Buddha non sono mere attrazioni turistiche, ma importanti luoghi religiosi vissuti dalla gente con profonda spiritualità. Un paese dove le tradizioni sopravvivono al consumismo e donne e uomini svolgono le loro semplici attività con ritmi antichi. Gli sfarzosi templi di Mandalay, l’antica capitale; la navigazione in battello sul fiume Irawaddy e le scene di vita fluviale; la grande campana in bronzo di Mingun; il ponte di tek di Amarapura. Le misteriose Grotte di Hpo Win Daung e la variopinta Pagoda di Thandoddhay nei pressi di Monywa. Lo straordinario parco archeologico di Bagan, con migliaia di santuari, stupa, templi e pagode. Il Monte Popa, la residenza dei “nat”, gli spiriti della tradizione locale. Il magico Lago Inle e la minoranza etnica Intha, “i figli dell’acqua”, che vivono in villaggi su palafitte in perfetta armonia con l’habitat naturale. L’antico sito di Sagar con 108 stupa “cavi”, una giungla di pinnacoli, che si specchiano nelle calme acque del lago. La cittadina di Loikaw nello Stato Kayah e la minoranza etnica Padaung famosa per le incredibili Donne-Giraffa. L’ex-capitale Yangon e le spettacolari guglie d’oro della Pagoda Shwedagon. Esperte guide locali di lingua italiana.

 

Per il programma di viaggio e/o per altri itinerari sulla destinazione  contattaci qui

Segui H 24 Travels anche su: fb, Twitter, Instagram, You Tube